Skip to content

Underwater (D.U. a.a. 2014-2015, Territories in crisis)

In a large part of Piedmont Region, the agricultural landscape is grounded on a social overhead capital, stratified over time ago. It was a minor infrastructural capital, constructed “from the water.” Today the incessant flooding is the symbol of the increasing weakness of the complex connections between landscape, water, soil and populations.

000 _ immagine di apertura

Savigliano, in provincia di Cuneo e si concentra in particolare nelle aree colpite dalle numerose esondazioni del fiume Mellea e nell’altra zona opposta alla città, che prende in considerazione il caso del fiume Maira, lungo il quale, al contrario del Mellea, le sponde sono state messe in sicurezza.

Indagine di:

Ponso Daniele, Quaglio Benedetta, Rosa Brusin Francesco, Sun Shu
, Vitiello Giorgia, Zaccagni Andrea

2

3

 

7

8

4

5

 

Sant’Agabio Il quartiere di Sant’Agabio è importante polo industriale e residenziale della città di Novara. La crisi riscontrata in quest’area è di tipo ambientale, determinata dalle frequenti esondazioni del torrente Terdoppio presente nelle immediate vicinanze dell’edificato e con tratti di sponda fortemente erosi. Questo pericolo è ancora maggiore se si considera che Sant’Agabio è uno dei poli chimici più grandi del Pie- monte. Il quartiere di Sant’Agabio si colloca nella zona tra il torrente Terdoppio e il canale Cavour ed ha un’area di estensione di circa 2,5 Km2. Questa zona urbana che si è sviluppata principalmente negli anni Quaranta del Novecento ha una maglia dell’edificato meno densa rispetto al nucleo del centro storico ma occupa un’area maggiore.

Indagine di:

Ilaria Pontiglione, 
Niccolò Pozzi,
 Marica Pro
 Alessia, Rolle
 Eleonora, Francesca Serpi, Diego Trazzi

000 _ immagine di apertura

 

2

4

6

5

7

8

 

Valle Belbo La Valle Belbo è posta al confine tra le province di Asti e Cuneo, nel basso Piemonte. Il fiume Belbo nasce dalle Langhe sul confine tra Liguria e Piemonte a circa 800 m di quota dai colli di Montezemolo. Il territorio in occasione di forti piogge e a causa dell’andamento tortuoso e la discreta quantità di affluenti, tende ad allagarsi causando spesso ingenti danni. Il problema è stato in parte risolto con degli argini artificiali nei centri abitati principali e con un pro-getto di vasche di “sfogo” della piena delle quali però solo quella di Canelli è stata effettivamente realizzata. Ciò nonostante al di fuori dei paesi il Belbo continua ad esondare e inoltre, se in caso di un’ondata di piena significativa riuscisse a superare i muraglioni di cemento, gli effetti sarebbero tali e quali a quelli delle alluvioni storiche.

Invidiato Arianna, Jordanov Simon, Maina Diego, Maranto Federica, Mele Antonio, Muzzarelli Sofia

000 _ immagine di apertura

2

6

3

4

 

Advertisements
No comments yet

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: