Skip to content

Open issues

I am grateful to CRIOS who asked me a short note on Bernardo Secchi, being his first student graduated in Milan, after his return to that Faculty in the mid-seventies. This entails the need for some preliminary facts. We graduated (in the plural, since we were a group of seven students) in 1979, with a thesis on the common assumptions of the housing policies by the Communist Party and the Christian Democrats. Secchi deeply valued that work, which was indeed very long-lasting. Built on Acts of Parliament, starting from 1945, it was inserted within his reflection on the role of construction industry and housing policies. Our work took advantage of the readings of those years about the logic of political acting, and also of the planning courses which, at that time, were analysing economic theories. Secchi was following us painstakingly; he kept on tangibly correcting our theses (that sort of thing I learned how to do). He sustained us even in the sharp exchanges with planners colleagues at PCI. With Campos Venuti, for example, who refused to be interviewed by us students, “to avoid being exploited against the party”. As every one knows, in those years the Faculty was an environment and an institution at highest rate politicised. A very demanding one, as to say. Moving a few years later in Venice, attending the first cycle of the PhD (project which was developed via a correspondence that deserves to be re-read nowadays); designing a periodical; comparing with a different way of doing urban planning was the feeling of living a breakthrough challenge, nevertheless a serene challenge. The themes of those years manifested a necessary step. A step out of the hypertrophy of regulative planning, which claimed to face up to problems by regularising them, before even having understood them. Outside a routine of planning, now discredited. Trying to come back to a notion of city as complex node between physical aspects, uses and powers. And a notion of planning practice as production of ideas and proposals capable of convincing. After that long collective moment, shared with Stefano Boeri, Paola Di Biagi, Patrizia Gabellini, Franco Infussi and Ugo Ischia (in the conclusion of City Planning, with Arturo Lanzani and Chiara Merlini), I attended the studio Secchi & Viganò uninterruptedly. Often during the weekend. To talk a bit of everything: the PhD course in Urban Planning at IUAV, the researches in which we were respectively involved; the editorial projects, such as the one that, mulling over the words of Bernardo and Pier Luigi, allowed me to put around an unimposing table, at the European University Institute in Fiesole, Bernardo Secchi, Pier Luigi Crosta and Alessandro Pizzorno, persons met during my university period.

This is what situates me in relation to CRIOS’ question, which I’m try to respond to in the only way that appears to be feasible now, hinting at some of those threads, left interrupted. There is a tangle of issues we talked about in the recent months, in several occasions. I would like to touch on them, ideally keeping them open. From public space, field of study in various projects at Secchi & Viganò and in my private studio. In The Flanders, Bernardo and Paola have recently planned some kind of public spaces, whose quality gave them major awards: Place du Théâtre Antwerp, Park Spoor Noord, the interventions in Rielen Hoge and Mechelen’ squares, among the most known. Projects in which the sophisticated tradition of putting attention to land is innervated by new attentions to landscape. On one hand, a swap of gaze that puts the open space at the very centre of the project. On the other hand, a new “ecological rationality”. Thereupon the experiments of the design practice, I was interested not just in discussing those matrices in the Italian urban planning tradition. Neither in the inward connivances with environmental themes, derived from a landscape reinterpretation of their – not trivial – intertwining with planning. Conversely, in how that planning configuration compared with the variation of the contemporary public space status. Over and over I was imposing a piece took by a famous movie by Lorenza Mazzetti (Together, an experimental motion picture presented at the “National Film Theatre” in 1956), to provoke Secchi to put our heads together about the transformation of that space, dilated and powerful, so fittingly represented by the Mazzetti’s London night. A space capable of incorporating the differences of its users: an explicit scene of a “démocratie procédurale” that Alain Touraine, ironically, refers to the “patriotisme de la Constitution”. And that Habermas, less ironically, celebrates. Putting behind the twentieth century city (with a concept of citizenship that came round in much of the reflections of current political philosophy), drama and stage of designing of public space start changing. A space that, today, seems to me depleted of any special status. No longer a theme itself in the city. No longer cramped in the so-called ‘central places’, which built up an important part of planning schemes and their legitimacy. Nor confined to a value once and for all defined, despite the ‘civicness’ in Mazzetti’s London. Far from addressing the issue using Sennett, Lynch, Jacobs, Simmel, Lefebvre, Bourdieu as ex-voto, anyhow we did not agree. Secchi re-suggested what seemed to me the sophisticated tradition of land design. I played with the categories of intimité, extimité and public, trying to take some steps in the direction of Dewey’s pluralisation of the public. The question is left open. Like most of my intolerances against that set of values, not without contradictions, that today claim to dictate our daily behaviour (in addition to the field of our projects). Think about the current uncompromising and despotic environmentalism that creeps into personal choices, promises us a collective salvation asking in turn to lower thermostats, turn lights off, become thrifty. Or about frugality as a myth, as an ambiguous social model, a choice for a few, market suited and cynical. The public space keeps seeming to me, more and more clearly, the pitch of a harsh clash: a violent re-appropriation of the city under the banner of (spatial) justice and (urban) quality, of an abstract humanism, professed as a new goal. It would be more appropriate to name it “new functionalism”. Who, as Secchi did, deeply investigated the discourse of planners (and continuously worked out the redefining “without inferiority complexes” of their expertise) could not, in my opinion, refrain to be aggrieved. In truth, I never fully grasped if dismantling the rhetoric that accompanies and legitimises many planning practices represented to Secchi a disciplinary urgency or a global one. More exactly, an urgency of that “production of the dominant ideology” about what, in 1976, Pierre Bourdieu and Luc Boltanski talked in the Actes de la Recherche in Science Sociales’. Article that later on became a celebrated book, about which we discussed several times. I suspect that since the eighties, it was the first: a genuine interest in the fortunes of urbanism within a foundational attitude, not ideological, nor suggestive. And that would explain his substantial unhitching today, a time when the disciplinary discourse seemed to him hopelessly torn. Fact that, however, Secchi would have never admit, continuing to encourage doctoral students toward a careful and critical analysis of urbanists words and concepts, their uses, their shaped imagery, as a form of critical engagement we can not detract from.

 

Questioni aperte

Sono grata a CRIOS che mi ha chiesto una breve nota su Bernardo Secchi, in quanto prima allieva laureata a Milano, dopo il suo ritorno in quella Facoltà a metà degli anni Settanta. Questo comporta la necessità di qualche elemento preliminare. Ci siamo laureati (al plurale poiché eravamo un gruppo di sette studenti), nel 1979 con una tesi sui presupposti comuni delle politiche per la casa del Partito Comunista e della Democrazia Cristiana. Secchi teneva molto a questo lavoro che è stato lunghissimo. Costruito sugli Atti Parlamentari, a partire dal 1945, si inseriva in una sua riflessione sul ruolo del settore edilizio e sulle politiche abitative. Il nostro lavoro si avvantaggiava delle letture di quegli anni sulle logiche dell’agire politico e sulla frequentazione dei corsi di urbanistica che allora trattavano di teorie economiche. Secchi ci aveva seguito assiduamente e corretto materialmente la tesi (cosa che ho imparato a fare). Sostenuto anche negli scambi aspri con colleghi urbanisti del PCI. Campos Venuti, ad esempio, che non aveva voluto essere intervistato da noi studenti, «per non essere strumentalizzato contro il partito». La Facoltà era in quegli anni, come tutti sanno, un ambiente e un’istituzione ad altissimo tasso di politicità. Un ambiente molto esigente, per così dire. Spostarsi, qualche anno dopo a Venezia, frequentare il primo ciclo del dottorato (il progetto del quale era stato messo a punto entro un carteggio che meriterebbe di essere riletto); progettare una rivista; misurarsi con un diverso modo di fare pianificazione era la sensazione di vivere una svolta impegnativa, ma serena. I temi di quegli anni avevano l’evidenza di un passaggio necessario. Fuori della ipertrofia giuridica dell’urbanistica regolativa che pretendeva di affrontare i problemi normandoli, prima ancora di capirli. Fuori da una routine pianificatoria, ormai screditata. Cercando di tornare ad una nozione di città come snodo complesso tra aspetti fisici, usi e poteri. E a una nozione di pratica urbanistica come produzione idee e di proposte capaci di essere convincenti. Dopo quel lungo momento collettivo che ho condiviso con Stefano Boeri, Paola Di Biagi, Patrizia Gabellini, Franco Infussi e Ugo Ischia (in chiusura di Urbanistica, con Arturo Lanzani e Chiara Merlini), c’è stata per me una ininterrotta frequentazione dello studio Secchi Viganò. Spesso il fine settimana. Per parlare un po’ di tutto: del dottorato in Urbanistica dello Iuav, delle ricerche in cui eravamo rispettivamente coinvolti, di progetti editoriali, come quello che mi ha permesso di mettere attorno ad un modesto tavolo dell’Istituto Universitario Europeo di Fiesole, Bernardo Secchi, Pier Luigi Crosta e Alessandro Pizzorno conosciuto, da studente, per riflesso delle parole di Bernardo e Pier Luigi.

Questo mi colloca rispetto alla domanda di CRIOS, alla quale cerco di rispondere nell’unico modo che mi sembra ora praticabile, accennando a qualcuna di quelle discussioni, rimaste interrotte. C’è un garbuglio di questioni di cui abbiamo parlato negli ultimi mesi, in diverse occasioni. Vorrei, accennandone, idealmente continuare a tenerle aperte. A partire dai temi dello spazio pubblico, campo di numerosi progetti dello Studio Secchi e Viganò e mio personale di studio.  Negli ultimi anni Bernardo e Paola avevano progettato alcuni spazi pubblici nelle Fiandre, la qualità dei quali ha conferito loro riconoscimenti importanti: la Place du Théâtre ad Anversa, il Parc Spoor Noord, gli interventi a Hoge Rielen, le piazze di Mechelen sono tra i più noti. Progetti nei quali la sofisticata tradizione di attenzione al suolo è innervata da nuove attenzioni ai temi del landscape. Da un lato l’inversione dello sguardo che mette lo spazio aperto al centro del progetto. Dall’altro le nuove «razionalità ecologiche». A fronte delle sperimentazioni della pratica progettuale a me interessava discutere non tanto le matrici nella storia della tradizione italiana della progettazione urbanistica. Né le intime connivenze con i temi ambientali derivate da una rilettura non scontata del landcape nei suoi intrecci con l’urbanistica. Ma il modo in cui quella forma del progetto si misurava con il cambiamento di statuto dello spazio pubblico contemporaneo. Imponendo ripetutamente un frammento di un celebre film di Lorenza Mazzetti (Togheter, film sperimentale presentato al National Film Theatre nel 1956), sollecitavo Secchi a discutere la trasformazione di quello spazio, dilatato e potente così ben rappresentato dalla Londra notturna di Mazzetti. Uno spazio capace di incorporare le differenze di coloro che lo attraversano: scena esplicita di quella «démocratie procédurale» che Alain Touraine riferisce ironicamente al «patriotisme de la Constitution» e Habermas, meno ironicamente, celebra. Lasciata alle spalle la città del Novecento (e con un concetto di cittadinanza che è tornato ad occupare molta parte della riflessione della filosofia politica), mutano anche la drammaturgia e la scenografia dello spazio pubblico. Uno spazio che oggi a me pare privo di uno statuto speciale. Non più tema a sé nella città. Non più confinato nei cosiddetti luoghi centrali che costruivano una parte importante dei piani regolatori e della loro legittimazione. Né confinato in un valore definito una volta per tutte, sia pure esso la civicness, della Londra di Mazzetti. Lontani entrambi dall’affrontare la questione usando Sennett, Lynch, Jacobs, Simmel, Lefebvre, Bordieu come ex-voto, non eravamo però d’accordo. Secchi riproponeva quella che a me pareva la sofisticata tradizione di progetto di suolo. Io giocavo con le categorie di intimité, extimité e public cercando di fare qualche passo nella direzione deweyana della pluralizzazione del pubblico. La questione è rimasta aperta. Come aperte lasciava perlopiù le mie insofferenze nei confronti di quell’insieme di valori, non privi di contraddizioni, che pretendono oggi di dettare i nostri comportamenti quotidiani (oltre al campo dei nostri progetti). Si pensi  all’ecologismo intransigente e dispotico che si insinua nelle scelte personali, ci promette una salvezza collettiva chiedendoci in cambio di abbassare i termostati, spegnere le luci, diventare parsimoniosi. O alla frugalità come mito, come modello sociale ambiguo, scelta riservata a pochi, compatibile con il mercato e cinica. Lo spazio pubblico mi è sempre più chiaramente parso il campo di una dura contrapposizione: una riappropriazione violenta della città sotto l’insegna della giustizia (spaziale) e della qualità (urbana), in nome di un umanesimo astratto, rivendicato come nuovo traguardo. Meglio sarebbe dire di un nuovo funzionalismo. Chi come Secchi ha studiato a fondo il discorso degli urbanisti (e con continuità ha lavorato sulla ridefinizione, «senza complessi di inferiorità»,  della loro competenza) non poteva, a mio giudizio, non esserne indignato.

A dire il vero non ho mai capito bene se smontare le retoriche che accompagnano e legittimano molte pratiche dell’urbanistica fosse per Secchi un’urgenza disciplinare o un’urgenza nei confronti del mondo. Per meglio dire, di quella «produzione dell’ideologia dominante» di cui avevano parlato nel 1976 Pierre Bourdieu e Luc Boltanski su Actes de la Recherche in Science Sociales. Articolo poi divenuto un celebre libro, di cui avevamo discusso più volte. Ho il sospetto che già dagli anni Ottanta, fosse la prima: un autentico interesse per le sorti dell’urbanistica, entro un atteggiamento fondativo, non ideologico, né suggestivo. E questo spiegherebbe il suo maggiore distacco oggi, in un momento in cui il discorso disciplinare gli pareva irrimediabilmente sdrucito. Cosa che Secchi non avrebbe peraltro mai ammesso, continuando a spronare dottorandi e studenti ad un’attenta analisi critica di parole e concetti dell’urbanistica, dei loro usi, degli immaginari che producono, come forma di un impegno critico cui non possiamo derogare.

 

 Cristina Bianchetti

 

Published on CRIOS n.8, 2014 (in press)

Translation by Giulia Sonetti

Advertisements
No comments yet

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: