Skip to content

Stura, Turin. Scenarios for Another Urbanity

This work investigates the north-east area of Turin, over the river Stura. Its aim is to bring out some design scenarios to help guiding political and planning decisions. Using the project as a tool for investigation, the work attempts to show the density and the articulation of uses, meanings and values​​, in an area that can not be considered just a river basin or a river park.

Quirino Spinelli (Tesi di Laurea Magistrale in Architettura Costruzione Città, Politecnico di Torino, A.A. 2012/2013. Relatore: Angelo Sampieri, Correlatore: Cristina Bianchetti)

 

The territory along the river is not (only) a park. It’s a sort of fold that gathers many different conflicting phenomena. It’s surely marked by an important environmental value but also by very different urban settlements. In this sense, it is a disputed territory. It is disputed between legal and illegal practices, between overt and hidden spaces, between different ideologies: acquired and claimed rights, private, public and illegal cultivations, nomad settlements, abandoned parks, productive activities. Because of the density of these different uses, the territory along the Stura can be considered as an urban space.

The work pursues its aim through a double strategy: the territorial survey (with an important role given to photography) and the design. The first part of the thesis marks three conflicting images: the Stura as a great river park, the Stura as a city border, the Stura as a shared space. The second part of the thesis is a foreshadowing project outlining some insights to design spaces for a new kind of urbanity.

Stura. Torino. Scenari per una diversa urbanità

La tesi si concentra sull’osservazione degli spazi attraversati dalla Stura nel tratto torinese compreso tra Basse di Stura e la Confluenza. Ed immagina per questo territorio un progetto che, a partire dal fiume, possa attivare alcune trasformazioni a nord est della città: lungo la Tangenziale Nord ed il Raccordo Torino-Caselle, attraverso l’area Produttiva Rostia, l’ex discarica Amiat, sui bordi di Falchera, a ridosso del distretto industriale dell’Iveco. Nel complesso, un territorio che è espressione di una fitta e controversa rete di usi e relazioni sociali, radicata entro spazi ritenuti marginali rispetto al sistema di usi e relazioni della città.

Un territorio conteso tra forme di condivisione legate a pratiche legali e illegali, palesi e nascoste. Conteso tra ideologie differenti. Diritti acquisiti, rivendicati, persi attorno a coltivazioni private, istituzionali o abusive; insediamenti nomadi; spazi aperti di tipo agricolo, dismessi, a parco; attività produttive; reti stratificate e più o meno definite, del muoversi. Un territorio che, proprio in ragione della densità di pratiche di diversa matrice che lo attraversano, è assunto quale territorio urbano. Seppure segnato da caratteri propri di un’urbanità differente, poco docile e levigata, capace di rendere visibili, e mettere inequivocabilmente in scena, ragioni della controversia e caratteri della non pacificazione.

Obiettivo della tesi è l’elaborazione di un progetto che possa dare rappresentazione, nella forma dello scenario, a questa differente urbanità. Un progetto che non risolva quindi la contesa entro l’immagine pacificata, coesa ed omogenea, di un parco (come negli strumenti di piano che regolano le trasformazioni). Tanto meno in quella di una terra di confine, di un territorio d’eccezione segnato da caratteri informali che, radicalizzandone i connotati, espungono la possibilità di una trasformazione guidata. Un progetto piuttosto, che lavorando per parti, con materiali “leggeri”, ed attraverso azioni sostenute dai molteplici attori che oggi condividono e si contendono lo spazio, possa dar luogo ad una sorta di nuova micro-armatura territoriale, frammentaria e disomogenea, capace di consentire però un più adeguato uso degli spazi ed un loro migliore funzionamento. Il punto non è evidentemente quello di rendere centrale rispetto alla città una parte di territorio che è da sempre marginale, e che nella città si configura oggi come una piega. Quanto quello di supportare, attraverso strumenti tecnicamente pertinenti, il differente tipo di urbanità di cui questo territorio dispone.

La tesi si compone di due parti. Una prima, tesa a restituire il territorio oggetto di indagine entro tre immagini capaci di problematizzarne alcuni caratteri: 1) la Stura quale infrastruttura, corridoio e bacino ecologico, serbatoio di naturalità, parco fluviale, così come osservato dai piani che della Stura enfatizzano le risorse ambientali; 2) la Stura quale limite della città, fine di Torino a nord, bordo oltre il quale, durante il corso del Novecento, una serie di materiali urbani di tipo eterogeneo (un quartiere residenziale “sperimentale”, una discarica, distretti produttivi e industriali) si sono depositati lungo le infrastrutture ed appaiono oggi lanciati oltre il fiume come sassi; 3) la Stura quale spazio della condivisione. La seconda parte della tesi immagina quattro scenari evolutivi per questa parte di città, capaci di restituire il carattere frammentario e disomogeneo che oggi questo territorio esprime.

Quirino Spinelli (Tesi di Laurea Magistrale in Architettura Costruzione Città, Politecnico di Torino, A.A. 2012/2013. Relatore: Angelo Sampieri, Correlatore: Cristina Bianchetti)

IMG_02 IMG_03

 

Advertisements
No comments yet

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: