Skip to content

Che cosa diavolo sono i beni comuni?

La domanda che si pone all’inizio del secondo capitolo del suo libro Ermanno Vitale, è anche il punto di avvio dell’ampia e approfondita recensione di Antonio Calafati sull’ultimo fascicolo de L’Indice. Il libro di Vitale si contrappone duramente al “manifesto” di Ugo Mattei, ne decostruisce gli argomenti, rilegge i principali riferimenti, mette in tensione i concetti, si interroga sul cambio di paradigma che questi dichiarano. Il giudizio è impietoso: si tratta di “tesi che scaldano il cuore”, ma che guardate da vicino si riducono alla materia leggera di cui son fatte le fiabe. La posizione che Vitale contrappone alla logica dei beni comuni è quella di un costituzionalismo di diritto privato cui affida la possibilità di limitare quelle stesse logiche del profitto contro le quali si scagliano le teorie dei beni comuni. Il libro di Vitale e la recensione di Calafati sono occasione per ritornare su un paradigma contrastato che occupa tanta parte del dibattito di questi mesi. E. Vitale, Contro i beni comuni. Una critica illuminista, Laterza, 2013; A. Calafati, “Un’opposizione contesa tra due paradigmi” in L’Indice, n.6,2013, p. 1o.

Advertisements
No comments yet

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: