Skip to content

B5. Breda/Belcrum

In The Netherlands, as in other parts of the world, the restructuring and delocalisation of significant parts of the production system has freed up large urban areas hitherto occupied by industry. The new zoning rules involves, on the one hand, the need for environmental remediation based on an engineering-style approach and, on the other, the radical rethinking of the kind of sociality provided by these new areas. To achieve these goals, the project has to express a new concept of urbanity in line with the demands of our contemporary lifestyle which, here as elsewhere, is characterised by temporary, stratified, institutionalised or informal practices which often converge towards a common horizon of sharing (of difficulties, advantages and interests).

Instead the policies of Dutch administrations involved in these processes often diverge from this scenario. All these complex transformations seem to be based only on city marketing strategies, highlighting how most policies are aimed at boosting the reuse appeal of these areas based on superficial measures promoted by pervasive and yet elusive communication campaigns.

This research is a support tool for all actors involved, in any capacity and with different responsibilities, in the transformation of industrial areas along the canal of five cities in the province of Brabant: Helmond, Tilburg, Eindhoven, ‘s-Hertogenbosch and Breda – the B5. I shall illustrate below the reasons why Belcrum in Breda was chosen as a case study, how the scope of survey, as well as its problematisation was decided.

It is possible to envisage the transformation of the Kanaalzone in Breda as being supported by numerous informal sharing practices (spontaneous occupancy, temporary use of residual spaces) and by a formidable associative network. In particular around Belcrum, a historic neighbourhood in the industrial district, where the many associations present are trying to withstand a highly speculative real estate operation. The process involves selecting inhabitants based on their age and income by making offers labelled as superior and attractive.

Originally the property of the Teteringen municipality, Belcrum occupies a 70 hectare area to the north of the city of Breda on the other side of the railway. The first development plan involved an urban design characterised by a series of residential buildings around squares, children’s play areas, as well as the construction of a port and a motorway. However, in 1927 the area was purchased by the Breda municipality which decided to develop it as an industrial district, exploiting the port, the fruit and vegetable market and the nearby railway (which was actually built in a trench). Today Belcrum is a place where a large-scale industrial area, with its hard, impermeable surfaces, is juxtaposed against the fine grain of its partly-built residential fabric and close-knit road system. The two main settlements reflect different kinds of property ownership regimes: accesses, hierarchies and materials.

The way in which space is used is very similar to how it was used in the thirties; this introversion diminishes within a capillary and mimetic associative network, but increases when it becomes institutionalised: “The Association of Associations” is an excellent example. However, a widespread phenomenon in this area is the shift of certain functions previously performed in collective and public space to individual and private space. Private gardens are now used for practices that cannot be performed elsewhere. The public domain is now limited to the family and well-defined private spaces. Even if there are no barriers, to establish property rights and exclusive use only a few elements (different materials, minimum difference in height) are used to characterise the base of the building. This occurs even when collective entities are involved, for example neighbourhood associations, located all over the residential network: the practices they absorb do not expand space, but instead are filed like minutes in their respective venues without any reverberation or extroversion.

It is worth exploring Dutch associationism to the full because it is absolutely unique; it was stratified in time and space until it became part of their national culture. Capillary and fragmentary, the associative network is able to absorb any topic which can coalesce interests, conflicts and shared passions. It’s no accident that people say: “if there’s a problem, there’s an association that can solve it”.

In the late nineties many spontaneous aggregations emerged in Belcrum to challenge the changes envisaged by the municipality. Information and awareness campaigns shifted the scale and shape of the phenomena; no longer an underground movement, it evolved into a more public campaign until it became institutionalised in “Action Committee” movements representing shared difficulties and collective commitment. Apart from this form of associationism, other more indistinct forms of sociality also emerged, as discontinuous as the landscape in question; temporary appropriations allowing incomplete sharing experiences to intrude into open space.

The minutes of the meetings of the Neighbourhood Committees in Belcrum clearly illustrate the actions implemented by a resistance movement revolving around the associationism phenomena, actions challenging the city marketing promoted by the Municipality. Based on this information we can identify the players and the “map of conflict” we can use to formulate a different design compared to the one elaborated by the institutions. There are two main players in this conflict: the Wijkraad Belcrum Committee, fighting against “the invasion of the neighbourhood by the project” and gentrification, and the Municipality that believes the local population will be unable to resist the pressure tactics of the real estate market.

After selecting the different “pockets of resistance” present in the area (many of which are boosted, even from a propagandistic point of view, by the fact they are semi-illegal), we can consider the associative network in Belcrum not only as an important resource for the transformations underway, but also the hub around which to rethink the destiny of an entire area. (Belcrum in Breda is currently being studied in the Thesis Seminar Shared spaces for the contemporary city).

Alessandra Conticini

Breda. Belcrum

In Olanda, come altrove, la ristrutturazione e la rilocalizzazione di parti consistenti del sistema produttivo ha determinato la disponibilità di grandi aree urbane finora occupate dall’industria. La nuova destinazione d’uso comporta da un lato la necessità di una bonifica ambientale, secondo un approccio di tipo ingegneristico, dall’altro il ripensamento radicale del tipo di socialità che i luoghi si prestano ad accogliere. Per far questo è necessario immaginare un progetto capace di esprimere una nuova idea di urbanità, aderente alla domanda espressa dall’abitare contemporaneo, segnata, in questi luoghi come altrove, da pratiche temporanee e stratificate, istituzionalizzate o informali, spesso convergenti verso un comune orizzonte di condivisione (di disagi, vantaggi, interessi).

Ad osservare le politiche delle amministrazioni olandesi coinvolte in processi di questo tipo, lo scenario che si presenta è spesso diverso. Tutta la complessità della trasformazione sembra ridursi entro strategie di city marketing. Mettendo così in evidenza come gli orientamenti prevalenti siano tesi a rendere attrattive le differenti situazioni per nuovi usi attraverso operazioni di sistemazione superficiale, ben veicolate da campagne di comunicazione pervasive ed elusive al contempo.

Questa ricerca si offre come supporto a tutti i soggetti che partecipano, a vario titolo e con responsabilità differenti, ai processi di trasformazione delle aree industriali lungo il canale delle cinque città del Brabante: Helmond, Tilburg, Eindhoven, Hertogebosch e Breda (più conosciute come B5). Nella nota che segue illustro le ragioni della scelta del caso studio di Belcrum a Breda, la costruzione del campo d’indagine e la sua problematizzazione.

Presso la Kanaalzone di Breda, si evidenzia la possibilità di immaginare una trasformazione supportata da numerose pratiche di condivisione informali (occupazioni spontanee, usi temporanei di spazi residuali) e da una formidabile rete associativa. In particolar modo attorno a Belcrum, quartiere storico inglobato dall’area industriale, dove un’incredibile concentrazione associativa prova a resistere ad un’operazione immobiliare dal carattere fortemente speculativo, tesa a selezionare gli abitanti su base anagrafica e di reddito, attraverso offerte che prendono i nomi di superior e attractive.

Belcrum è situato su un terreno di sessanta ettari, originariamente di proprietà del comune di Teteringen, nella parte nord di Breda, separato dalla città dalla ferrovia. Il primo piano per lo sviluppo dell’area prevedeva un disegno urbano caratterizzato da una serie di fabbricati residenziali attorno a piazze ed aree giochi per bambini, la costruzione di un porto e lo sviluppo dell’autostrada. Nel 1927 l’area è però acquisita dal comune di Breda che decide di farne il proprio distretto industriale sfruttando la presenza del porto, del mercato ortofrutticolo e la prossimità della linea ferrata (che di fatto verrà realizzata in trincea). Oggi, a Belcrum si trovano giustapposti la grande scala del comparto industriale, con le sue superfici dure e impermeabili, e la grana fine del tessuto residenziale in parte realizzato, con il suo sistema fitto di distribuzione viario. I due principi insediativi riflettono diversi regimi di proprietà e di funzionamento: accessi, gerarchie, materiali.

La pratiche d’uso dello spazio, che per molti aspetti paiono ancora quelle degli anni trenta, mostrano un’introversione che si allenta all’interno di una rete associativa capillare e mimetica, ma che di nuovo si ripiega ove si istituzionalizza: “L’Associazione delle Associazioni” chiarisce bene questo aspetto. Ciò che ovunque si riscontra è l’assorbiamento da parte dello spazio individuale e privato di alcune prestazioni prima assolte in quello collettivo e pubblico. I giardini privati sono chiamati ad accogliere pratiche che non trovano altri spazi in cui depositarsi. La sfera del pubblico si esaurisce entro un ambito familiare ed entro spazi chiaramente privati. L’attacco a terra degli edifici, seppur privo di barriere, definisce con pochi strumenti (variazione di materiali, dislivelli minimi) proprietà e diritti d’uso esclusivi. E questo accade anche in presenza di soggetti collettivi come le associazioni di quartiere, distribuite in modo capillare all’interno della trama residenziale: le pratiche che esse accolgono non ispessiscono lo spazio, si archiviano come i verbali nelle rispettive sedi senza alcun riverbero o estreflessione.

Il fenomeno dell’associazionismo olandese merita una riflessione approfondita, perchè si dà in forme assolutamente peculiari, stratificate nel tempo e nello spazio fino a divenire parte della cultura nazionale. Capillare e frammentata, la rete associativa, è in grado di esaurire al suo interno ogni tematica attorno alla quale possano coagularsi interessi, conflitti, passioni comuni. Non a caso si è soliti dire “se esiste un problema, esiste un’associazione per risolverlo”.

A Belcrum, molte delle aggregazioni spontanee nascono alla fine degli anni novanta proprio in opposizione alle trasformazioni promosse dal Comune. A seguito di campagne di sensibilizazzione e informazione il fenomeno cambia scala e forma, passando da una dimensione sotterranea ad una più pubblica. Fino all’istituzionalizzazione dei movimenti entro “Comitati d’azione”, espressione di disagi comuni ma anche di impegno collettivo. Accanto a questo tipo di associazionismo, non mancano forme di socialità più incerta, discontinua come il paesaggio entro il quale se ne dà conto, appropriazioni temporanee che lasciano sconfinare nello spazio aperto esperienze di condivisione parziali.

Studiando i verbali delle riunioni dei Comitati del quartiere di Belcrum si tracciano con chiarezza i contorni d’azione di un movimento di resistenza che gravita attorno alla sfera dell’associazionismo e che si oppone al city marketing promosso dal Comune. A partire da qui è possibile individuare il quadro degli attori e la “mappa del conflitto” stumentale alla formulazione di un’ipotesi progettuale alternativa a quella istituzionale. Tale conflitto vede oggi essenzialmente coinvolti il Comitato Wijkraad Belcrum, che si oppone all’”irruzione del progetto nel quartiere” ed alla gentrification, ed il Comune, che confida nello scarso potere di resistenza dei residenti di fronte alla pressione del mercato immobiliare.

A valle di una una selezione tra le differenti “sacche di resistenza” presenti sul territorio (molte delle quali trovano forza, anche propagandistica, nella semi-illegalità), è possible immaginare la rete associativa di Belcrum come risorsa importante per le trasformazioni in corso, nonchè fuoco di un progetto teso a ripensare il destino dell’intera area. (Il caso di Belcrum a Breda è oggetto di studio nel Seminario di Tesi Spazi di condivisione per la città contemporanea)

Alessandra Conticini

Advertisements
One Comment Post a comment
  1. Sono impressionato dalla qualita’ delle informazioni su questo sito. Ci sono un sacco di buone risorse qui. Sono sicuro che visitero’ di nuovo il vostro blog molto presto.

    May 29, 2013

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: