Skip to content

How to interpret sharing

Many people believe that European cities are very different to what they were twenty years ago. Dispersion is no longer a emergent phenomenon. The rapid dynamic cycle of change that had enhanced the land abandoned by industry has run its course. Policies have run out of funds. Thirty years of neoliberalism have radically changed the concept of rights. Dwelling is so diversified that the phenomenological descriptions used in recent years can’t keep up with its forms. The relationship between urban society and the territory of the city (its forms, dynamics and materials) has changed. The problem is not to talk about this change, but understand how we should tackle it.

Bernardo Secchi commented that each time we restructure the relationship between capital and labour we redefine a new urban issue. It happened in the first half of the nineteenth century, in the beginning of the twentieth century, in the sixties and today – after thirty years of neoliberalism. The urban issues of the past differ in nature depending on their focus. In the sixties and seventies, it was a lack of functionalist town-planning. The stakes involved the right to citizenship, and the urban issue was seen as redemption. As the affirmation of a cadre de vie: a demand for quality when faced with quantitative town-planning, considered as the supremacy of technique within the framework of a Marxist perspective.

Today the core issue involves several common problems: all cities, however diverse, will have to face increased social inequality, mounting environmental problems and the need to ensure the right to mobility. It’s the city that’s at stake rather than a right to citizenship or equality and protection from environmental risks. This situation is so complex and so widespread that town planning might appear irrelevant. Quite the opposite, we believe that it can harness knowledge and devise activities; this is not irrelevant and on the contrary can require a “radical” approach.

The way in which the project for the Ville Poreuse is developed reveals that the discipline is getting internally stronger. Perception of change has sparked a search for basic traits which are (also) manifest in the way in which design uses certain concepts. Criticism of the season of phenomenology is visible in the formalisation of the conceptual tools we work with. Sensations and impressions fade in favour of renewed technical expertise. What is at stake is the notion of competence and its social role.

Jacques Donzelot also believes that we’re faced with a new urban issue. But he inverts the perspective: the problem is once again the city. Like it was in the seventies. Even though the current urban issue is very different to the one theorised in the seventies by Lefebvre and Castells (the French sociologist noted rather bitterly that the latter were involved in theorising what the conflicts of those years had already made apparent).

At the time, the urban issue was used to talk “about everything that [wasn’t] closely linked to production”: housing, services and transport. The quality of life and the principle of citizenship was at stake. Now the stakes are the ability of the city to make society (in other words to keep urban society alive). Recent transformations hinder a positive bond between the city and society. On the one hand, the incivility of urban movements is not focused on renovation; on the other, the selective residency of enclaves has nothing to do with the old logics of distinction that once characterised housing: a gated community is not a muscular version of a nineteenth-century bourgeois neighbourhood. Dwelling is now a question of distancing oneself, of self-confinement (“a withdrawal to a perceived distance to use one’s absence to emphasise one’s rejection of a situation”). Fracture is behind the founding of a city that had surrendered to the disintegration of social space (we could add that it’s no surprise that today we again talk persistently about an open city).

Secchi and Donzelot offer a different description of this new urban condition. The solutions tend to use practical knowledge, knowledge that can act as a crucible for different fields of learning to tackle the incredible force of certain problems (Secchi). And the virtuous combination of policies aimed at reformulating social exchange (Donzelot).

How important are the problems outlined by Secchi: inequality, mobility, climate change? How many are the fractures and separations indicated by Donzelot?

How has the city changed and what are we going to consider when we interpret this change?

Reformulating the urban issue is crucial when we study places where people still say they want to live together. Places characterised by a bond that is not stable or only functional, but solidaristic. Based on recognition, exchange and, sometimes, the fact it’s free.

Moments and places of sharing cannot be extrapolated from a so-to-speak structural framework. In other words from certain important problems and the major difficulty of making cities. One would otherwise fall into the trap of focusing on the present and considering it a value in itself – this happened in many studies in recent years.

Don’t get us wrong. We haven’t the slightest intention of considering sharing a form – however weak – of redemption. Sharing is not good in itself, nor can it contrast difficult situations or rebuild social relationships. It coexists with contrast and conflict. And sometimes helps to create them. Despite all this it is a characteristic of contemporary cities. The search for something that can still free us from solitude. In other words from the anxiety of individualisation.

 Cristina Bianchetti

 

Su quale sfondo leggere il fenomeno della condivisione

Sono in molti oggi a ritenere che le città europee abbiano caratteri profondamente diversi, rispetto a quelli di una ventina d’anni fa. La dispersione non è più fenomeno emergente. Le rapide dinamiche di trasformazione che avevano messo a valore i terreni lasciati dall’industria hanno esaurito un ciclo. Le politiche hanno esaurito i finanziamenti. Trent’anni di neo-liberismo hanno cambiato profondamente la nozione di diritto. L’abitare si diversifica in modo così ampio che le descrizioni fenomenologiche degli ultimi anni faticano a stare dietro alle sue forme. Sono cambiati i rapporti tra il territorio della città (le sue forme, le sue dinamiche, i suoi materiali) e la società urbana. Il problema non è affermare il cambiamento, ma capire come attrezzarsi a coglierlo.

Bernardo Secchi osserva che ogni volta che si ristrutturano i rapporti tra capitale e lavoro si ridefinisce una nuova questione urbana. Così è stato nella prima metà del XIX secolo, all’inizio del XX, negli anni 60 e oggi, dopo trent’anni di neo-liberismo. Le diverse questioni urbane che si sono date nel passato non sono simili. Varia quanto è posto al loro centro. Negli anni 60 e 70 al centro era il deficit dell’urbanistica funzionalista. La posta in gioco era un diritto di cittadinanza e la questione urbana si poneva nella prospettiva di un riscatto. Dell’affermazione di un cadre de vie: rivendicazione di una connotazione qualitativa, a fronte di un’urbanistica quantitativa, vista come dominio tecnico, entro una prospettiva marxista.

Oggi al centro vi sono alcuni problemi comuni: le città (nella loro diversità) dovranno misurarsi con l’aumento delle diseguaglianze sociali, l’emergere di problemi ambientali, la necessità di garantire un diritto alla mobilità. La posta in gioco è la città stessa, prima ancora che un diritto di cittadinanza o una condizione di uguaglianza e riparo rispetto ai rischi ambientali. A fronte dell’ampiezza e della complessità di queste condizioni, il progetto urbanistico potrebbe apparire irrilevante. La convinzione è, al contrario, che esso possa attrezzare conoscenza e immaginare azioni; che ciò non sia irrilevante e che richieda piuttosto di essere «radicale».

Nel modo in cui si costruisce il progetto della Ville Poreuse è possibile notare un rinsaldarsi della disciplina entro se stessa. Alla percezione del mutamento, fa riscontro la ricerca di un carattere fondativo che si manifesta (anche) nel modo in cui sono trattati i concetti utilizzati dal progetto. La critica alla stagione fenomenologica si palesa nella formalizzazione degli strumenti concettuali con i quali si opera. Le sensazioni e le impressioni lasciano posto ad un rinnovato sapere tecnico. Quello che è in gioco è una nozione di competenza e il suo ruolo sociale.

Anche Jaques Donzelot sostiene che oggi si sia in presenza di una nuova questione urbana. Ma per lui la prospettiva è rovesciata: la città, torna ad essere essa stessa problema. Come lo era negli anni 70. Per quanto oggi si sia di fronte ad una questione urbana sensibilmente diversa da quella teorizzata allora, da Lefebvre e Castells (impegnati, sottolinea il sociologo francese con qualche asprezza, a trasporre in teoria ciò che le lotte di quegli anni già mostravano).

La questione urbana allora serviva per parlare «di tutto ciò che non [era] strettamente legato all’organizzazione della produzione»: casa, servizi, trasporti. Ciò che era in gioco era il miglioramento della qualità di vita e un principio di cittadinanza. Ora la posta in gioco è la capacità della città di fare società (cioè di tenere viva una società urbana). Le trasformazioni recenti ostacolano un legame positivo tra la città e la società. Da un lato l’incivilté dei movimenti urbani che non ha alcun obiettivo di riqualificazione, dall’altro la residenza selettiva delle enclave che nulla ha a che fare con vecchie logiche di distinzione che connotavano l’abitare: la gated community non è la versione muscolare del quartiere borghese ottocentesco. L’abitare è ormai una questione di presa di distanza, di auto-confinamento («un ritrarsi ad una distanza percepibile per far sentire, attraverso il peso della propria assenza il rifiuto di una situazione»). La frattura è atto fondativo di una città che si è arresa alla disintegrazione dello spazio sociale   (e non è un caso, si potrebbe aggiungere, che oggi si orni insistentemente a discutere di open city).

Secchi e Donzelot descrivono in modo differenti una nuova condizione urbana. Le uscite sono nella direzione di un sapere pratico, capace di porsi come snodo di differenti saperi per far fronte alla forza inedita di alcuni problemi (Secchi). E nella ricongiunzione virtuosa di politiche che abbiano come obiettivo la riformulazione di uno scambio sociale (Donzelot).

Quanto sono rilevanti le implicazioni dei problemi messi in evidenza da Secchi: disuguaglianze, mobilità, cambiamenti climatici? Quanto le fratture e separazioni indicate da Donzelot?

Come è cambiata la città e a quale livello decidiamo di situare la lettura di questo cambiamento?

Il riformularsi di una questione urbana è una cornice ineludibile anche per un’osservazione di quei luoghi nei quali si continua a dichiarare la volontà di stare assieme. Luoghi connotati da un legame che non è stabile, non è solo funzionale, ma solidaristico. Fondato sul riconoscimento, lo scambio e, a volte, la gratuità.

Momenti e luoghi di condivisione non possono essere estrapolati da un quadro per così dire strutturale. Ovvero da alcuni rilevanti problemi e da una sostanziale difficoltà di fare città. Si cadrebbe altrimenti nell’inseguimento di un quotidiano cui è attribuito valore in sé, come è accaduto in molta ricerca degli ultimi anni.

E’ da segnalare subito la possibilità di un equivoco. Non vi è alcuna pretesa di cogliere nella condivisione una forma, seppure debole, di riscatto. La condivisione non è qualcosa di buono in sé, né ha la forza di contrastare condizioni problematiche, di ricostruzione di legami sociali. Convive con il contrasto, il conflitto. E a volte contribuisce a generarli. E’ tuttavia una connotazione importante della città contemporanea. La ricerca di qualcosa che ancora possa libèrer de la solitude. Ovvero dall’angoscia dell’individualizzazione.

Cristina Bianchetti


Advertisements
No comments yet

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: